martedì 24 novembre 2015

ravioli home made

Ravioli con ricotta di capra spinaci e pinoli
 La cucina fatta con il cuore.

Natale tempo di famiglia, degli amici più cari ... tempo di cose buone, di regali.
Preparare qualcosa con le nostre mani è un gesto affettuoso che se richiede un po' di tempo e di pazienza dall'altra sarete ripagati dal gusto ineguagliabile e dall'avere offerto qualcosa fatto con il cuore.




Ingredienti per la pasta fresca:
4 uova medie
4 hg di farina 00

Ingredienti per il ripieno
Ricotta di capra (deve essere piuttosto asciutta)
circa 100 gr di spinaci (pesati cotti)
una manciata di pinoli
grana
sale pepe




per la pasta con l'impastatrice: aggiungete alla farina le uova e fate girare con il gancio fino a quando non avrete un panetto piuttosto sodo ma liscio. Se la farina e le uova non si agglomerano potrebbe essere necessario aggiungere 1 o 2 cucchiai di acqua.
Avvolgete l'impasto nella pellicola o mettetelo sotto una tazza a riposare almeno 30/40 minuti. Intanto preparate il ripieno

Se non avete l'impastatrice fate una specie di vulcano con la farina, nel cratere rompete le uova e aiutandovi con una forchetta rompetele e girando incorporate un po' alla volta tutta la farina. Continuate poi ad impastare con le mani.




















Ripieno:
Sbollentate gli spinaci in acqua salata. Strizzateli benissimo e tritateli grossolanamente, saltateli in padella con aglio e burro.
Saltate i pinoli in una pentola antiaderente finchè non saranno un po' coloriti. Rigirateli spesso!

In una ciotola amalgamate la ricotta, gli spinaci il grana e i pinoli, assaggiate e regolate di sale.









Stendere la pasta piuttosto sottile, per non farla seccare, e rischiare che il raviolo non si sigilli per bene, stendete un pezzetto di pasta alla volta: fate i ravioli e poi stendetene un'altra. 
Io ho tirato la pasta fino al penultimo numero della nonna papera.



















Al centro della striscia di pasta mettete un pochino di impasto e qui potete scegliere due strade:
raviolo grande: mettete sopra le "palline"  di ricotta un'altra striscia di pasta grande come la prima e schiacciando delicatamente intorno al ripieno in modo che esca tutta l'aria  sigillate le due strisce.

raviolo piccolo: ripiegate sopra l'impasto un lembo della pasta come nella foto sopra.

In entrambi i casi assicuratevi che la pasta di "sotto" si sia ben attaccata a quella di sopra, che non ci siano bolle d'aria o buchini nella pasta da cui entrerebbe l'acqua di cottura che romperebbe i ravioli.

Scegliete un tagliapasta che vi piace e iniziate a tagliare i vostri ravioli








Cuocete i ravioli in abbondante acqua salata, non deve bollire troppo. Condite con burro e formaggio grana,  per dare un tocco di colore ho aggiunto del sesamo nero.








giovedì 19 novembre 2015

cotoletta


Stanchi della solita fettina?
Single in carriera con il frigorifero sempre vuoto?
Questa ricetta è per voi e per prepararla bastano 5 minuti! Pronti?


Lista della spesa:
Petto di pollo in fettine
1 uovo
pane grattuggiato 
prezzemolo
capperi
olive
pomodori secchi
olio per friggere
se non hai pan grattato trita nel mixer del pane secco, dei grissini, dei cracker...andrà benissimo.

Cosa ti serve?
Padella
coltello/mezzaluna/mixer
tagliere



















Trita con la mezzaluna -o con il mixer usato a scatti- il prezzemolo i capperi, le olive denocciolate, e i pomodori secchi. Crea un trito uniforme ma grossolano, non deve essere un frullato, i vari sapori devono distinguersi.
Passa ogni fetta di petto di pollo nell'uovo e poi nel trito di aromi, schiaccia con la mano in modo che i vari pezzettini rimangano attaccati alla carne, passa la carne nel pan grattato e -sempre schiacciando- crea la tua cotoletta.
Friggila in una padella antiaderente con abbondante olio di semi, gira da una parte all'altra un paio di volte.  


Condisci con sale e pepe, aggiungi una insalatina fresca e voilà! 
La cena è servita!








lunedì 16 novembre 2015

Il Natale in collina

Si avvicina il Natale e ho deciso di dedicare una piccola rubrica alla mia festa preferita. Da semplici tutorial per la decorazione della casa e della tavola, a regalini home made. Da ricette per i pantagruelici pranzi delle feste, alle piccole idee per divertirsi con i bambini, tutto con un unico obbiettivo: divertirsi e non arrivare distrutti alla meta! Allora pronti per il countdown? 
Si incomincia da domani!


giovedì 12 novembre 2015

birra artigianale

1° FoodieTour 


Birreria artigianale 
A Tutto Malto Gallarate (Varese)



Questa prima uscita del foodie-tour è stata un vero successo. Hanno partecipato blogger e appassionati di cucina uniti dall'interesse per le produzioni artigianali. 
Il pomeriggio è trascorso piacevolmente, siamo stati accolti da una famiglia di birrai  che ci ha raccontato  come si produce una buona birra artigianale, insegnandoci anche come degustarla. 

Generosamente  ci hanno
svelato il loro ingrediente segreto: la passione. 
Ebbene sì per fare una buona birra servono: acqua, malto, orzo, luppolo, creatività e  molta passione. 

Da pochi e semplici prodotti, miscelati con sapienza dal Mastro Birraio, nascono birre molto diverse, sia per gradazio-
ne che per aromi. 
Dalla White Sheep, alla Obelix, passando per la birra di Natale. 


E poi, detto tra noi, queste birre hanno dei nomi e delle etichette così carine...che ... non si possono non collezionare. Chissà come sarà quella di Natale in uno speciale formato magnum per poterla condividere con la famiglia e gli amici!

Abbiamo avuto anche la fortuna di conoscere Andrea Galuppi (http://www.andreagaluppi.comun bravissimo chef che, oltre ad accompagnarci nella visita e nella degustazione, ci ha preparato una buonissima focaccia con la trebbia e un fantastico risotto all'amatriciana. Sul suo sito troverete tutte le ricette e molto altro.

Allora vi ho incuriosito? 
Se volete visitare la birreria A Tutto Malto -prima- consultate il loro sito per gli orari!

 













Ecco tutta la squadra blogger e birrai!




Erano con noi:
la squadra di "A Tutto Malto"
 https://www.facebook.com/birrificioatuttomalto

Le blogger:
Paola www.facebook.com/lacucinaincollina
Debora http://latte-menta.blogspot.it
Alessandra http://sweetcakesbylalla.ifood.it

#atuttomalto #birraartigianale #lacucinaincollina











mercoledì 11 novembre 2015

Foodie tour i 10 motivi per dire di sì

Domenica è iniziata la mia nuova avventura il "Foodie-Tour".






Cos'è un Foodie-Tour? E' un modo diverso per parlare di cibo, partendo direttamente da dove il prodotto viene creato.

I Foodie Tour offrono l'occasione per conoscere una città da nuovi punti di vista. 

10 motivi per dire di sì a un Foodie-Tour:

1) perché se ti interessa il cibo dovrebbe interessarti anche tutto quello che succede  prima che un prodotto arrivi nel tuo piatto
2) perchè incontrerai persone che credono e amano quello che fanno
3) perchè ti racconteranno cose molto interessanti
4) perchè condividere la propria passione è bellissimo
5) perchè mangiare-assaggiare e degustare sono cose molto diverse
6) perchè è divertente
7) perchè conoscerai persone con la tua stessa passione
8) perchè scoprirai come trasformare una passione in un lavoro
9) perchè potrai conoscere cose nuove 
10) perchè vedrai artigiani al lavoro

lunedì 9 novembre 2015

cioccolato jeff de Bruges

 








Riconoscete questi due film?
Chocolat: madame Vianne proprietaria  della 
chocolaterie che sapeva indovinare i gusti dei suoi clienti.
C'è posta per te: il negozio all'angolo, un luogo magico, un piccolo negozio dove ogni acquisto è reso speciale dall'atmosfera accogliente che sa creare Meg Ryan "commessa" nella chat?

                                                                                                                        
Se come me siete fan accanite di questo genere di film sappiate che Jeff de Bruges Varese vi piacerà immensamente

Alla qualità del cioccolato si accompagna la dolcezza della 
proprietaria che saprà 
accompagnarvi nella scelta del "vostro" cioccolatino perfetto. 

Casette, foglioline, pacchetti regalo, forme classiche, forme insolite. 

Praline, tavolette, alla frutta, alla mandorla, fondente o al latte? 
Avrete più che l'imbarazzo della scelta. 

Impossibile - per me - fermarmi dopo il primo assaggio. Elegante, raffinato, divertente, insomma: andateci! Ne vale la pena! 


Dimenticavo, il mio preferito è un piccolo bottoncino al latte ripieno di caramello, sapete cosa regalarmi a Natale!



    














domenica 8 novembre 2015

foodie-tour



oggi 1°foodie tour della cucina in collina!
Blogger e amici uniti da una passione: il cibo. Puoi seguire il nostro tour su questa pagina, su ig o partecipare direttamente.
Allora ti piace l'idea?

venerdì 6 novembre 2015

oggi mi presento


Oggi mi presento, non l'avevo ancora fatto, non ho giustificazioni!

Eccomi qui un po' di anni sulle spalle..., ex milanese, ex libera professionista. Da sempre amo il cibo e colleziono ricette e libri di cucina, quanti saranno? Troppi! 




Questo blog è nato un po' per mettere ordine alle varie fotocopie, riviste, appunti che giravano per casa. Il blog "purtroppo" ha ulteriormente alimentato la mia curiosità, e il confronto con voi e con altri blog mi ha portato molte nuove passioni e altri libri, e altre riviste... #senzasperanza

Ora sono una mamma, una casalinga non disperata e dalle mille passioni che amo condividere con gli amici.      







martedì 3 novembre 2015

Apple Pie

 Autunno, temperatura ideale per le pie. Una friabile frolla avvolge frutta caramellata, una tazza di tè e una pallina di gelato o un ciuffo di panna montata... c'è una merenda più golosa?





ingredienti:
per il ripieno
1 kg anche di più di mele VERDI
2 cucchiai di zucchero
1 cucchiaio di maizena
spezie a piacere

per la brisè
500 gr farina
250 gr di burro + un po'
125 gr acqua freddissima

finitura
uovo e latte per spennellare

per prima cosa bisogna preparare la pasta brisè semplicemente mischiando gli ingredienti.
Mentre riposa in frigo sbucciate le mele e tagliatele a spicchi dello spessi almeno 1/2 cm, mettete le fette in una ciotola con un po' di limone spremuto, lo zucchero e la maizena e mescolare.
A chi piace può aggiungere cannella o altre spezie, io non le ho messe perchè trovo che la cosa migliore di questo dolce sia il contrasto tra il dolce-burroso dell'impasto e l'acidulo della mela.

La composizione del dolce poi è semplicissima, dividere l'impasto a metà stendere una parte e foderare il fondo e i bordi (è indispensabile una teglia stile nonna papera). Aggiungere le fette di mela stando attenti ad evitare di rovesciare nella torta l'eventuale liquido creato dal limone. Coprire e sigillare i bordi con l'altra metà sfoglia, praticare un foro centrale (camino) e dei taglietti laterali per la fuoriuscita del vapore.
Cuocere 30 minuti a 200° e i successivi 30 a 180.
Obbligatorio servirla tiepida con una pallina di gelato o panna montata!


asparagi