mercoledì 27 gennaio 2016

Challah, pane dolce


Finalmente riesco a partecipare nuovamente al Re-cake2.0 e lo faccio con questo pane (si sa, è il io debole...). La Challah è un pane semidolce tipico della tradizione ebraica che accompagna lo shabbat e le feste ebraiche. Come sempre Re-Cake è anche l'occasione per imparare qualcosa di nuovo. 
Vi riporto qui un abstract 
“Parla ai figli d’Israele. Dirai loro: Quando voi sarete entrati nel paese, dove io sto conducendovi e mangerete del pane del paese, ne sottrarrete un’offerta al Signore”. (Num. 15, 18-19). E’ questa l’origine della challah, il pane bianco che accompagna lo shabbat e le feste ebraiche. 
Originariamente, e fin quando fu possibile, da questo pane era prelevata la decima che veniva offerta al sacerdote. Oggi che non c’è più il Tempio, si preleva comunque un pezzetto dell’impasto che viene messo da parte, bruciato in forno e non consumato.
La challah, pane bianco e soffice di gusto leggermente dolce, è una delle componenti essenziali del pasto di sabato. E’ a forma di treccia, e sulla tavola ne sono presenti due, a misura della doppia porzione di manna che Dio elargiva agli israeliti nel deserto alla vigilia del sabato e delle feste. La preparazione di questo pane e il prelevamento dell’offerta dall’impasto, sono esclusiva incombenza femminile.

Fonte: Elena Loewenthal "Gli ebrei questi sconosciuti"



Eccovi la mia versione, non è a treccia ma a forma di corona di rose. Rispecchia al 100% la ricetta di Re-Cake, ho usato miele di montagna ai fiori misti perciò è dolce ma con un lieve retrogusto amarognolo. 











Torta salata autunnale