Passa ai contenuti principali

Latti da mangiare 2.0


Contest Palagiaccio Latti da Mangiare

Rose di Patate alla pancetta 

con crema di Gran Mugello e fiori di timo

Ravioli di Patata Viola 
con fonduta al Blu Mugello




Un po' per caso mi sono imbattuta nel constest organizzato dalle storiche fattorie Palagiaccio (visitate il loro sito per scoprire la storia di questa antichissima fattoria)




Il loro nome mi ha incuriosito e sul loro sito ho scoperto che questi meravigliosi formaggi vengono prodotti secondo metodi e tempi che ne garantiscono una qualità non comune. A quel punto la mia curiosità non ha più avuto freni, mi sono iscritta: immediatamente. Ho consigliato di farlo anche a tutte le mie amiche con le quali condivido la passione per il buon cibo.

Una volta arrivati sulla mia tavola questi formaggi non sono stati una delusione, anzi mi sono piaciuti moltissimo!!!!
Cremosi, densi di sapore, "lattosi"...

Preparare queste due ricette non è mi pesato affatto, e ancora di meno gustarle! A mio parere sono buonissime e spero piacciano anche a voi.

Ho pensato a due piatti, un antipasto e un primo, in linea con quelle che sono le ricette del mio blog, anch'esso un po' country come le mucche felici della fattoria del Palagiaccio.
Sono proposte semplici con un denominatore comune: il formaggio e la patata, utilizzati in modo creativo e insolito.
Spesso scelgo degli ingredienti e li utilizzo come una "base" dalla quale partire verso declinazioni un po' diverse dal solito. In questo modo spero di coniugare la semplicità e l'onestà nei confronti dell'ingrediente, che preferisco lavorare poco mantenendone la sua essenza, alla creatività .
Ho pensato perciò di utilizzare questa strategia anche per il constest Latti da mangiare 2.0.
Sono partita da un abbinamento classico: formaggio e patate e... ecco le mie proposte.

Ricetta numero 1 Antipasto: Rose di Patata (una bianca e una rossa) accompagnate da una crema ricca di Gran Mugello e fiori di timo.

Ricetta numero 2 Primo Piatto: Ravioli di Patata viola con una fonduta al Blu Mugello






_____________________________________________________


Ricetta numero 1


Rose di Patate alla pancetta 
con crema di Gran Mugello e fiori di timo






Questa preparazione è molto semplice, contrariamente è più difficile fornirvi delle quantità esatte degli ingredienti da utilizzare. Utilizzate le mie dosi come delle indicazioni che necessariamente dovrete adattare alla grandezza delle patate che utilizzerete e al numero di porzioni che vorrete realizzare.

Ingredienti per due rose:
1 patata bianca e 1 patata rossa di medie dimensioni
pancetta tonda circa 4 fette
gran mugello grattugiato
burro
farina
latte intero
olio sale e pepe qb

strumenti:
mandolina
teglia per muffin

Sbucciate la patata bianca e affettatela finemente per il lungo. Quella rossa invece affettatela con la buccia per avere una rosa colorata.
Otterrete tante fette ovali, immergetele in acqua fredda per circa 10 minuti.

Per realizzare il fiore procedete in questo modo: iniziate da una fetta di patata e arrotolatela piuttosto stretta, sarà il centro del fiore. Aggiungete attorno al centro le altre fette, che saranno i vari petali della rosa. Aggiungendo tutti i petali otterrete un bel fiore della dimensione per lo stampo dei muffin.
Tagliate la pancetta in striscioline e - tenendo il fiore ben fermo nello stampo - inseritele tra i petali.
Oltre a dare sapore aiuteranno la patata a rimanere morbida al centro e più croccante alle estremità.
Ungete la sommità dei petali con un pennello e insaporite con un pizzico di sale e pepe.

Cuocete in forno caldo a 180° per circa 20 minuti.

Per la crema al Gran Mugello che potrete preparare mentre le rose cuociono nel forno procedete in questo modo.
Preparate della salsa besciamella: fondete burro e farina e cuocete per un paio di minuti, aggiungete del latte caldo e fate addensare.
Quando la besciamella sarà ancora molto calda aggiungete abbondante Gran Mugello grattugiato e fate sciogliere.


Impiattare posando la rosa di patate sopra la crema al Gran Mugello. Finire il piatto con una goccia di olio al timo e qualche fogliolina o fiorellino di timo fresco.










Ricetta numero 2



Ravioli di Patata Viola 
con fonduta al Blu Mugello




Ingredienti per 2 persone

Per la pasta
2 uova
200 gr di farina 00
un cucchiaio di olio dal sapore leggero
un cucchiaio di vino bianco


Per il ripieno

500 gr di patate viola sbucciate e cotte al vapore
200 gr di formaggio grattugiato (io ho usato il Gran Mugello)
burro
sale e pepe qb


Per la salsa:
panna
Blu Mugello *

Cuocete le patate al vapore, per evitare che si inumidiscano troppo. Schiacciatele ancora calde con lo schiacciapatate e aromatizzatele con burro fuso, formaggio grattugiato sale e pepe.

Lasciate raffreddare.

Tirate la pasta piuttosto sottile e una volta pronta una striscia preparate i ravioli. Distribuite sulla sfoglia delle palline di ripieno, risvoltate la sfoglia, con i polpastrelli fate aderire la pasta e poi tagliate i ravioli della forma che preferite. Con i rebbi di una forchetta, facendo molta attenzione a non bucare la sfoglia sigillate i bordi.

Si cuociono per pochissimi minuti in acqua salata leggermente a bollore. Una volta pronti raccoglieteli con una schiumarola e tuffateli in una padella dove avrete sciolto il Blu Mugello con un po' di panna.

Il formaggio è così saporito e così gustoso da non richiedere nessun altro ingrediente basta da solo a nobilitare questo semplicissimo raviolo.






*Questi ravioli sono buonissimi anche con il formaggio Tartufino non vi resta che assaggiarli in entrambi i modi!





Eccovi quindi le mie due proposte spero vi piaceranno.

Commenti

Post popolari in questo blog

uova d'oca

Uova d'oca all'occhio di bue
Da cibo dei contadini a golosità per foodies!  Trovarle è un'impresa, a meno che il vostro vicino di casa non sia un contadino! Queste ragazzacce poi fanno poche uova all'anno, e quelle poche vanno a ruba! Le mie le aspettavo dall'estate scorsa, quando Roberto, ovvero il Bianchi di Casbeno (Varese), me ne aveva parlato. Parlarmi di qualcosa che non ho mai assaggiato, decantarmene le qualità, e non averle lì pronte per l'assaggio non è cosa da fare alla sottoscritta! Le oche non hanno voluto ascoltare le mie richieste e ho dovuto pazientare fino a primavera e adesso ce le ho!!!!! sono lì che aspettano pazientemente (adesso tocca a loro) che io mi decida a cucinarle.




Due notizie sulle loro caratteristiche sono grandi, almeno il doppio di quelle di gallinapesano, almeno 150 grammi!hanno un tuorlo molto grande e pochissimo albumesono dense, cremose il sapore? più intenso delle più tradizionali uova di gallinarendono il doppio in pratica se…

Orecchiette con le cime di rapa

Si sente continuamente parlare di "comfort food" ma cos'è davvero il cibo che ci conforta?
Spesso lo confondiamo con diverse cose: cibi di cui siamo golosi, cibo spazzatura, cibo super calorico, oppure zuppe per fredde serate invernali (molto instagrammabili!). Il comfort food, vero, è un'altra cosa.

Facciamo ordine: Comfort food sono  quelle cose ti regalano piacevoli sensazioni di calore, casa, ricordi...
Comfort food non è solo "il tuo piatto preferito", ma "quello che ti fa stare bene" che ti riporta a piacevoli sensazioni che credevi perdute o che hai bisogno di rievocare per consolarti un po'. Il comfort food è appagante e rilassante.  E' legato a doppio filo al passato, ad un ricordo che cerchiamo di rivivere assaporandolo. 
E' "hygge" da prima che affidassimo ai danesi la chiave per la nostra felicità.

Il comfort food, per molti, è un dolce ed è legato all'infanzia: la torta della nonna, le mitiche madeleine di Proust (r…

Biscotti inglesi da te

Welsh Cake
biscottini da tè che si preparano ... in padella! Sono biscotti di semplice pasta frolla cotti in una padella di ferro, sono il punto di incontro tra un pancake, uno scone e un biscotto. Dolci ma non troppo, semplici e durevoli venivano preparate dalla padrona di casa per il te del pomeriggio.






Ingredienti:

225 gr di farina auto lievitante  110 gr di burro  1 uovo una manciata di uvetta (o canditi, cioccolato, nocciole...) 85 gr di zucchero (quello che preferite, se usate quello di canna o il muscovado aggiungerete un aroma  caramellato) Volendo aggiungete anche un cucchiaino di mix di spezie cannella, noce moscata, zenzero... io non le ho messe perchè le trovo troppo natalizie.






Potete anche preparare l'impasto e tenerlo un paio di giorni in frigorifero arrotolato nella pellicola e al bisogno tagliare i biscotti come fette di salame e cuocerli.

Lavorate burro e farina con le mani o con l'impastarice con la K, appena ottenuto uno sfarinato piuttosto grumoso aggiungete lo zuccher…